XL
LG
MD
SM
XS

Ha costruito una mano meccanica

Pier Silvio Lucchese ha costruito una mano meccanica che funziona col telefonino: “si tratta di un dispositivo abbastanza semplice”, dice lui, “che simula il movimento di apertura e chiusura di una mano umana”. L’arto meccanico ha le dimensioni della mano media di un adulto (cm 20x15x3,5), è composto da 15 pezzi di plastica realizzati con una stampante 3D ed incernierati opportunamente con delle viti e bulloni esagonali: “il principio è quello delle costruzioni Lego di ultima generazione”, spiega Lucchese. “L’indice, il medio, l’anulare ed il mignolo sono costituiti da tre pezzi (esattamente come le tre falangi) mentre il pollice è costituito da due pezzi (ad imitazione delle due falangi umane)”. L’ultima falange di ciascun dito è fissata al palmo da una vite e da un bullone esagonale. “Ho poi fissato, con due viti e due bulloni esagonali, un servomotore sul palmo e l’ho collegato con dei cavi conduttori ad una scheda Arduino ESP32 con una d.d.p. differenza di potenziale di 5 V. Sono presenti elastici e fili da pesca per simulare i tendini e i muscoli della mano che collegano falangi fra loro e col palmo. Ogni elastico è tenuto teso, lungo il dorso della mano) e di ogni dito, da un gancio posto sulla terza falange e sulla base della prima falange. Ogni filo da pesca è annodato sulla parte anteriore (palmo) della prima falange, passa attraverso la terza falange e si avvolge alle viti poste sopra il disco in plastica”. Il funzionamento è abbastanza intuitivo fa capire Lucchese: “la scheda Arduino alimenta ed aziona il servomotore che ruota il disco di plastica attraverso l’albero. Se il disco ruota in senso antiorario, i fili da pesca si accorciano, arrotolandosi attorno alle viti poste sul disco di plastica, così che le falangi si flettono e gli elastici aumentano la loro tensione. Se il disco ruota in senso orario, i fili da pesca si allungano srotolandosi dalle viti poste sul disco di plastica, così che le falangi si estendono e gli elastici diminuiscono la loro tensione. La scheda Arduino riceve corrente da un powerbank esterno. Lo script contenuto nella memoria flash di Arduino ESP32 contiene l’istruzione di connettersi ad una rete Wi-Fi disponibile conoscendo SSID e password (chiave di accesso). Dopo essersi connesso a un web server (capace di gestire richieste http), il sistema rimane in attesa di un client (utente) che visualizzerà una pagina in html 5 in cui potrà decidere l’apertura e chiusura della mano attraverso un cursore (programmato in java script) graduato da 0 a 180”. Bella cosa questa mano meccanica. Complimenti. Ah, dimenticavamo di dire che Pier Silvio Lucchese ha appena concluso l’esame di terza media e ci ha chiesto di parlare di questo suo meccanismo semovente solo dopo averlo presentato alla commissione d’esame…. Anche questo è Cavanis.

Contributo POR Fondo Sociale Europeo
Scarica il pdf ...
Info »